Per la comunità di Gergei, un paese della Trexenta, dalle origini antichissime, sorto attorno a due nuraghi e famoso oggi per l’olio d’oliva di grande qualità, una delle feste più importanti dell’anno è sempre stata quella di Santa Maria Assunta, che si celebra a metà agosto e dura per alcuni giorni. La sera della vigilia di ferragosto, si usa accompagnare in processione per le principali strade del paese un bellissimo simulacro della Madonna Assunta, per l’occasione vestita con abiti di seta finemente ricamati con fili d’oro e d’argento ed adornata d’antichissimi e preziosi gioielli. La processione è generalmente preceduta da un drappello di uomini a cavallo, da gruppi in costume e da tutte le associazioni religiose. I fedeli accompagnano il simulacro nella chiesetta di Santa Maria in cui si celebra la messa che conclude le cerimonie religiose della vigilia.

È in questo contesto che mercoledì 14 agosto, Gergei, ospita, da dieci anni, la sagra de “Su succu de Santa Maria”, una manifestazione enogastronomica nata per riscoprire e valorizzare i piatti tipici e le risorse locali, come olio, vino, pane e dolci, basata sulla degustazione dei piatti tipici, tra i quali il principale è “Su Succu”, un’antichissima ricetta di pasta al forno composta da una finissima pasta, chiamata “is findeus”, con formaggio acido (casu ascedu) e zafferano.

La sagra è inserita nella rete di manifestazioni enogastronomiche “Stiddius de Oru”, sostenuta dalla Regione Sardegna e organizzata dall’Amministrazione e dalla Pro Loco di Gergei.

Questo il programma previsto:

h 18:00 – Santa messa solenne presso la chiesa di Santa Maria celebrata dal parroco Francesco Defenu, a seguire la Processione per le principali strade del paese dove i cavalieri, l’organettista Giampaolo Piredda insieme alle launeddas di Vicenzo Canova, Lazzarino Congiu, Luca Desogus e la partecipazione dei gruppi folk: 
“Tradizioni Popolari Macomer” di Macomer, il gruppo” Norkalis” di Orune, il gruppo folk Sardara, il gruppo folk di Sassari, il gruppo folk di Gergei e gli sbandieratori “Santa Lucia” di Igesias accompagneranno il bellissimo simulacro della Madonna Assunta trainato dal giogo dei buoi; 


h 21:00 – Laboratorio di degustazione de “Su Succu de Santa Maria” un’antichissima ricetta di pasta al forno tipica del paese composta da una pasta finissima (chiamata is findeus), su casu ascedu e lo zafferano. Insieme a su succu si potranno degustare altri piatti della tradizione sarda insieme a un buon bicchiere di vino;

h 22:30 – Esibizione dei gruppi folk e balli in piazza accompagnati dall’organettista Giampaolo Piredda.